Alla Scoperta delle Apuane

Itinerari Turistici ed escursioni sulle Alpi Apuane

GROTTE TURISTICHE


Le Alpi Apuane rappresentano un' area carsica tra le più importanti d' Europa. Su 800 cavità esplorate, quasi 200 presentano uno sviluppo spaziale superiore ai 100 metri. Le grotte sono diffuse nei terreni carbonatici, metamorfici e non, dell'Autoctono e della Falda Toscana e la loro distribuzione si accompagna a quella delle principali sorgenti.

Il gruppo delle Panie, l'altopiano della Vetricia, la Carcaraia e la Valle di Arnetola sono per gli speleologi un vero paradiso, ma è soprattutto il complesso carsico del Monte Corchia, con i suoi 55 Km di gallerie e pozzi, a richiamare l'attenzione degli esperti. Le grotte apuane aperte alle visite turistiche sono tre, ma altre grotte, di facile e media difficoltà, possono essere scoperte con l'aiuto delle Guide Parco specializzate in speleologia.

"Antro del Corchia" di Levigliani (Stazzema):

una piccola parte del più importante complesso carsico d'Italia è stata aperta al pubblico nel 2001. Il percorso complessivo, di 1978 metri, utilizza 646 metri di passarelle e 1005 gradini. La temperatura nella grotta si mantiene costante nel corso dell'anno intorno al valore di 7,6° C.

"Buca di Equi Terme" in Lunigiana (Equi T.- Fivizzano):

esplorata nel 1726, è stata aperta al pubblico nel 1960 e, dopo un periodo di chiusura, ha ripreso l'attività nel 2001. Oggi offre ai visitatori un quadro completo della geo morfologia e della storia di una delle valli più affascinanti e selvagge delle Alpi Apuane.
Oltre alla Buca (temperatura 13° C) è possibile visitare la Tecchia, il Museo delle Grotte, il Solco d'Equi e l'Archeoparco con attività didattiche e di archeologia speriementale.

"Grotta del Vento"  in Garfagnana (Fornovolasco ? Vergemoli):

scoperta nel 1898, esplorata dal 1929 e aperta al pubblico dal 1967, offre tre diverse possibilità di itinerari , attrezzati con comodi sentieri, di 1 ora, 2 ore, 3 ore che permettono di avere un panorama completo sul fenomeno del carsismo sotterraneo e di visitare, secondo ogni norma di sicurezza,  un ambiente di rara bellezza e suggestione. La temperatura in grotta è costante sui 10,7 ° C.

ITINERARI SPLELEOLOGICI

Tana che Urla - Fornovolasco (Vergemoli):

esplorata da Antonio Vallisneri nel 1704, è stata la prima grotta delle Apuane ad essere studiata dal punto di vista scientifico. E' costituita da un'ampia galleria in salita, percorsa da un torrente con varie cascate ed un sifone oltre il quale la grotta prosegue per altri 200 metri.



"Tana dell'Omo Selvatico" ? Foce di Mosceta (Stazzema):

La cavità si apre con un inghiottitoio; un tortuoso corridoio conduce, dopo alcuni salti, ad un primo pozzo, oltre il quale un ampio corridoio porta ad un pianerottolo da cui, con una serie di salti, si raggiungono le stanze terminali.

ALPINISMO

La roccia delle Alpi Apuane  si presenta molto spesso instabile e quindi poco adatto per praticare l'alpismo anche se  molti alpinisti si sono messi alla prova  su queste montagne tracciando vie ormai diventate ormai classiche, e, con l'affermarsi dell' arrampicata sportiva, sono state  anche individuate molte nuove possibilità in quasi tutti i gruppi della catena montuosa.


A CAVALLO

Un trekking a cavallo sulle Apuane può diventare un'esperienza entusiasmante, a patto di  munirsi di un docile cavallo ben allenato e dell'accompagnamento di un' esperta guida equestre in quanto, se si escludono le mulattiere delle quote intermedie, le Apuane non rappresentano un facile terreno per escursioni a cavallo.


A PIEDI

Una vasta rete di sentieri copre il territorio del Parco: sono un centinaio sono quelli segnalati dal Club Alpino Italiano ai quali si aggiungono gli itinerari di lunga percorrenza realizzati dalle Comunità Montane.  In ogni caso, prima di affrontare ogni percorso, è necessario verificarne l'agibilità,  dotarsi di carte dettagliate e  monitorare le condizioni meteorologiche.


EDUCAZIONE AMBIENTALE

L'Ente Parco sviluppa progetti di Educazione Ambientale  al fine di instaurare un processo di educazione permanente.  Il "quaderno di Educazione Ambientale", realizzato dal Parco con gli operatori del territorio, raccoglie tutta una serie di strutture e suggerimenti per far sì che, anche un breve periodo di soggiorno o di visita al Parco, diventi un'esperienza unica e toccante sulla strada della Sostenibilità.


IN BICICLETTA

Le possibilità di fare escursioni in mountain bike lungo i sentieri e le strade sterrate all'interno del Parco delle Apuane sono davvero numerose.  Inoltre è molto interessante l' opportunità offerta dal servizio delle FS  di treno+bici : tutti i treni della linea Lucca-Aulla, e diversi della linea litoranea, garantiscono questo servizio che dà la possibilità di fare itinerari di attraversata utilizzando il treno per rientrare al punto di partenza.